Quali sono i frutti estivi con meno calorie?

frutti estiivi più ipocaloriciMangiare frutta fa bene perché in genere oltre a contenere poche calorie è ricca di fibre e di minerali, è fonte di vitamine e sostanze antiossidanti. La frutta sazia, soprattuto se consumata con la buccia, è diuretica, disintossicante e non fa prendere peso: ecco perché mangiare frutta è salutare e aiuta a dimagrire.

Quando è meglio mangiare la frutta?

Certo la frutta contiene anche zuccheri (il fruttosio viene trasformato in glucosio con l’ingestione), ragion per cui sarebbe meglio mangiarla nella prima parte della giornata. Se consumata come colazione al mattino, ad esempio, la frutta dà la giusta carica di energia all’organismo che al contempo ha tutto il tempo per bruciare il glucosio, quindi per elaborare gli zuccheri.

Mangiare frutta lontano dai pasti permette anche che i suoi nutrienti vengano assorbiti dall’organismo al meglio, evitando che vengano “persi” durante la digestione degli altri cibi ed evitando fastidiose fermentazioni intestinali e disturbi collegati come acidità e gonfiori di stomaco. Il tutto per un metabolismo più veloce.

Mangiare frutta a stomaco vuoto ha insomma proprietà energizzanti e disintossicanti, meglio ancora se con la buccia che contiene la maggior parte delle fibre che agevolano l’attività intestinale e hanno un alto potere saziante.

Se mangiare frutta fa bene, mangiare frutta di stagione – da sola, in ricche macedonie o freschissimi frullati – è ancora meglio. Ma quali sono i frutti estivi più ipocalorici?

I frutti estivi più ipocalorici

Tutta la frutta estiva, con qualche eccezione, contiene poche calorie, è più o meno ipocalorica, ma ci sono frutti estivi più ipocalorici di altri. A cominciare dall’anguria, con appena 16 Kcal circa ogni 100 grammi.

Tra gli altri frutti estivi con un più o meno basso apporto calorico le nespole (28 calorie circa ogni 100 grammi), le fragole (27 calorie), il melone (30 calorie), le pesche (30 calorie), le prugne (36 calorie), le amarene (41), i fichi (47), le ciliegie (48) e le albicocche (50). Tra i frutti di bosco “in senso stretto” il mirtillo ha circa 41 Kcal ogni 100 grammi, il lampone 30, la mora 35, il ribes 37. In agosto spunta anche l’uva, che contiene oltre 60 Kcal ogni 100 grammi di prodotto fresco.

Visto quali sono i frutti estivi più ipocalorici (e quelli meno ipocalorici) va tenuto presente anche che i frutti con un basso contenuto di carboidrati e con un alto contenuto di acqua, l’anguria o la pesca ad esempio parlando di frutta di stagione, aiutano meglio di altri a bruciare i grassi e a eliminare il colesterolo cattivo, contribuendo quindi a far perdere peso.

Esplora migliaia di prodotti artigianali su Artimondo

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*